Fermo, Kyenge a moglie Emmanuel: Resta qui e diventa medico
"Accetta la borsa di studio, salverai domani vite umane", scrive l'europarlamentare in una lettera commovente

"Rimani in Italia e realizza  qui il tuo sogno di diventare medico. Anche io sono arrivata in Italia con una grande valigia azzurra, vuota, ma piena del mio sogno di diventare medico. Come te, se avessi potuto realizzarlo lì, in Congo, sarei rimasta nel mio Paese d'origine per realizzare lì mio sogno a cui sentivo di avere diritto. Tu hai diritto a essere felice e realizzare il sogno di diventare medico. Realizzalo qui". Lo scrive l'ex ministra ed europarlamentare Cécile Kyenge in una lettera che consegnerà a Chinyery, moglie di Emmanuel, il 36enne nigeriano ucciso martedì scorso a Fermo. "Tanti - aggiunge - nella vita piena che mi auguro e sono certa tu vivrai, ti ricorderanno i tuoi limiti, la tua provenienza, così come molti hanno fatto con me: prima di fronte alla mia determinazione ad essere un medico, fuori dagli schemi della mia società di provenienza e della società di approdo, poi come politico e prima donna nera ministro della Repubblica italiana e, ancora, nel nuovo impegno al Parlamento Europeo. Con la incommensurabile determinazione e quella forza che deriva solo dall'amore che si intende donare verso il prossimo, nel servizio verso chi è più debole, tutto è possibile. Anche che una ragazza arrivata in Italia senza nulla diventi Ministro della Repubblica italiana".


"Anche superare questo tragico lutto, per amore: accetta la borsa di studio offerta dall'Università di Ancona - scrive Kyenge - e diventa medico, ti aiuteremo, salverai domani vite umane e aiuterai i più deboli. In Italia. E' il messaggio d'amore più bello per Emmanuel e la risposta più forte ai nostrani predicatori d'odio. Servirà anche all'Italia, che io amo e che tu sono certa imparerai ad amare come tuo Paese d'adozione".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata