Femminicidio, Mara Carfagna lancia una nuova campagna: "Il governo sblocchi i fondi"

"Non è normale che sia normale” diventa una canzone rap grazie agli studenti di un istituto di Ferrara. La vicepresidente della Camera: "Mi ha colpito e commosso"

"Non è normale che sia normale”, la campagna di sensibilizzazione sui social lanciata nel 2018 dalla vicepresidente della Camera Mara Carfagna, oggi diventa una canzone rap realizzata dagli studenti dell’istituto Copernico-Carpeggiani di Ferrara. "Un brano che mi ha colpito tantissimo e commosso moltissimo", ha commentato Carfagna. "Ho fatto una proposta a questi ragazzi, quella di pubblicare sugli store online per devolvere il ricavato per sostenere le famiglie affidatarie di orfani di femminicidio". La battaglia, portata avanti da Carfagna, non si ferma in Parlamento. "Abbiamo istituito un fondo specifico per gli orfani di femminicidio, ma mancano i decreti attuativi nonostante le sollecitazioni. Mettiamo da parte le polemiche, abbiamo deciso di pensarci noi con questa iniziativa, per far arrivare i fondi attraverso l'associazione 'Il giardino segreto'. L'Italia non lascia sola questi piccoli orfani", ha concluso Carfagna.