Fassina: A Ue chiediamo altri due anni di deficit oltre il 3%

Roma, 5 mag. (LaPresse) - "Se vogliamo uscire dal dramma di una recessione che diventa depressione, dobbiamo chiedere all'Europa una radicale correzione di rotta nella politica economica", proponendo due anni in più per tenere fermo il rapporto tra deficit e Pil al livello di Maastrichet del 3%. E' quanto afferma il viceministro dell'Economia, Stefano Fassina, intervistato da Repubblica. "L'austerità ha fallito - spiega - ora è il tempo di puntare sulla crescita e di marciare tutti nella stessa direzione". "Se diversi Paesi" europei, come Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Irlanda, Olanda e Slovenia, si chiede Fassina, "hanno già ottenuto la proroga per centrare l'obiettivo del 3% di deficit, per ché non l'Italia?". "Ci sono tutte le condizioni - afferma - perché il 29 maggio questa procedura venga chiusa dall'Europa. Dopodiché valutiamo la sostenibilità degli obiettivi indicati dal Def di Monti e che rispecchiano i vincoli europei".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata