Fase 2, intesa tra Governo e Regioni su riaperture

Il governatore Bonaccini: "Soluzione raggiunta nell'interesse del Paese"

Accordo raggiunto nella notte - dopo un lungo braccio di ferro - tra Governo e Regioni sul Decreto che dovrà riaprire l'Italia a partire da domani. "Il nostro obiettivo è sempre stato quello di dare regole certe alle attività che potranno riaprire e sicurezza a lavoratori e cittadini", ha spiegato il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini. "Le richieste delle Regioni erano legittime, la soluzione è stata raggiunta nell'interesse del Paese", ha sottolineato il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia. Da domani - intanto - anche la libera circolazione all'interno delle Regioni senza autocertificazione. Dal 25 maggio riapriranno piscine e palestre, dal 15 giugno toccherà a cinema e teatri.