Famiglia, Di Maio: Svilire ruolo della donna può portare a gesti assurdi

Milano, 19 mar. (LaPresse) - "Con Salvini e la Lega condividiamo il contratto di governo e stiamo facendo delle cose importanti insieme", ma al Congresso mondiale della famiglia di Verona, "non ci andrà mai nessuno del M5S, proprio per la considerazione che hanno della donna da Medioevo". Lo afferma il vicepremier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, ospite di 'Pomeriggio 5', la trasmissione condotta da Barbara D'Urso, su Canale 5. "Anche perché svilire il ruolo della donna può portare poi a gesti assurdi", aggiunge. "Questo congresso è lontano anni luce dal Movimento e ci vede divisi dalla Lega. Piuttosto pensiamo a fare leggi per le famiglie, invece di andare a festeggiare il Medioevo, come purtroppo farà una parte di questa maggioranza", continua il ministro dello Sviluppo economico, che riprendendo le parole del cardinale Parolin, dice: "Anche per me la famiglia è sacra, però - conclude -. non vorrei mai sedermi allo stesso tavolo con quelle persone che pensano certe cose della donna e definiscono 'cannibali' quelle che praticano l'aborto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata