Europee, Renzi: Non si vince con il terrore. Grillo: Stravinciamo noi

Roma, 23 mag. (LaPresse) - A poche ore dal silenzio elettorale, che scatterà a mezzanotte, i leader politici si sfidano a colpi di comizi finali: Beppe Grillo ha scelto piazza San Giovanni a Roma per raccogliere il Movimento 5 Stelle, Silvio Berlusconi è all'auditorium della Provincia a Milano e il premier e segretario del Pd, Matteo Renzi, ha iniziato dal palco di Prato (per sostenere il candidato a sindaco), nell'attesa di chiudere la campagna elettorale dalla sua Firenze.

GRILLO: IN EUROPA STRAVINCIAMO NOI . " Noi non vinciamo questa volta, noi stravinciamo, è diverso, è molto diverso". Lo ha detto Beppe Grillo dal palco di piazza San Giovanni, a Roma, per la chiusura della campagna elettorale per le Europee del Movimento 5 Stelle. "Andremo in Europa - ha aggiunto - per dire che vogliamo una comunità di persone: noi siamo il piano B dell'Europa". E poi l'affondo ai giornalisti: "Le prime colpe ce le hanno questi qua con le telecamere, ma saranno fuori dalla storia perchè la televisione non ha memoria, i giornali non hanno memoria, è la Rete che ha la memoria". La piazza ha indirizzato alcuni fischi nei confronti dei giornalisti. "La mia - ha proseguito - è una rabbia buona. E' una rabbia che ha unito milioni di italiani, è un sogno".

RENZI: A FURIA DI RIGORE SI MUORE. "A fronte di dire 'austerity austerity austerity. Rigore, rigore, rigore' non è che si fa gol, si muore". Così Matteo Renzi, nel suo intervento in piazza Duomo a Prato per sostenere il candidato sindaco Matteo Biffoni. "La politica - ha aggiunto - non può essere una gara di insulti, una gara di vaffa. Non si vince sulla paura, evocando il terrore".

BERLUSCONI: VOTO IMPORTANTE PER SCENARIO POLITICO ITALIANO. "Il voto di domenica sarà un voto importante per l'Europa m anche per lo scenario politico italiano". Lo ha detto il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, nel corso del comizio conclusivo della campagna elettorale per le europee a Milano. "Se mi fate piangere - ha esordito rivolto ai suoi - non parlo più".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata