Egitto, Bonino: Soluzione caso Morsi fondamentale per transizione

Roma, 13 lug. (LaPresse) - "La continuazione delle tensioni di piazza e delle violenze aumentano ogni giorno le preoccupazioni per la situazione in Egitto. Il ritorno ad una dialettica democratica è più che mai cruciale e urgente per avviare la transizione inclusiva". E' quanto dichiara in una nota della Farnesina Emma Bonino, ministro degli Esteri.

"Ma ciò non si realizzerà - prosegue la Bonino - finché dureranno le misure eccezionali e non saranno ristabilite per tutti gli egiziani le libertà fondamentali, in un contesto di trasparenza e di certezza del diritto. A questo riguardo un significato particolarmente positivo avrebbe la rapida soluzione del caso di Mohamed Morsi, sulla cui situazione mancano notizie certe da diversi giorni, e in generale dei vari casi di arresti arbitrari. Tutti i soggetti politici devono godere delle garanzie elementari di espressione e pacifica partecipazione alla vita pubblica. E tutti i soggetti politici devono dar prova di responsabilità democratica, astenendosi da ogni incitamento alla violenza". "Per il conseguimento di questi obiettivi - conclude la titolare della Farnesina - una responsabilità specifica incombe sul governo ad interim. L'Italia non farà mancare il suo sostegno per conseguirli, affinché non vadano deluse le speranze del popolo egiziano".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata