Di Maio: "Pensioni di cittadinanza e minime a 780 euro"
L'urgenza in merito alle pensioni è renderle tutte "dignitose, ossia sopra la soglia di povertà certificata dall'Istat. Vogliamo istituire, come stabilito nel contratto di governo, la pensione di cittadinanza e portare le pensioni minime a 780 euro. A noi l'onere di trovare le risorse". Lo ha detto il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi di Maio durante il suo intervento in occasione della presentazione del rapporto annuale dell'Inps. Condividendo poi la posizione del presidente dell'Istituto, Tito Boeri, in merito alle "pensioni privilegiate", il vicepremier ha sottolineato: "è una scelta politica che vuole riportare equità tra i cittadini, perché con questo taglio alle pensioni d'oro vogliamo anche sostenere i livelli i minimi relativi alle pensioni minime. Certo è che le pensioni di privilegio presto non esisteranno più".