Di Maio: "Austria e Olanda vogliono una manovra 'lacrime e sangue', ma gli italiani no"

"Non mi meravigliano le dichiarazioni di Austria e Olanda sono sempre le stesse. Cioè quelle di chiedere all'Italia di fare una manovra 'lacrime e sangue, l'opposto di quello che ci hanno chiesto gli italiani il 4 marzo. Noi andiamo avanti perché l'alternativa è massacrare ancora di più i pensionati e le imprese". Così il vicepremier Luigi Di Maio a margine del tavolo al Mise su Pernigotti, l'azienda di Novi Ligure che ha annunciato la chiusura dello stabilimento. "Noi andiamo avanti perché è la strada per far riprendere il Paese". Quindi il leader 5 stelle ha parlato della possibile procedura di infrazione. "Noi non vogliamo una procedura questo è chiaro e stiamo lavorando per non ottenere la procedura ma senza sacrificare gli italiani".