Csm, Roberti: Commistione inquietante toghe-politica, mina Stato diritto

Roma, 15 giu. (LaPresse) - "Indipendentemente dalla rilevanza penale delle intercettazioni, questo sarà la procura di Perugia a stabilirlo, credo che queste intercettazioni ci diano un quadro molto inquietante e allarmante di una commistione impropria tra politica e giustizia che mina i fondamenti dello Stato di diritto". Così l'europarlamentare Pd ed ex procuratore nazionale antimafia Franco Roberti intervenendo a 'L'intervista' di Mara Latella, su SkyTg24. "L'incontro tra politica e magistratura avviene all'interno del Csm - ha aggiunto - quello che viene al di fuori, le cene, gli incontri notturni, sono mine allo stato di diritto. Credo che bisognerebbe arrivare a una revisione generale più che delle norme, che quelle ci sono, ma delle coscienze".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata