Corruzione, Di Pietro: Ministro Severino non prenda in giro italiani

Roma, 21 ott. (LaPresse) - "Il ministro Severino continua a vantarsi di aver fatto il decreto anticorruzione. Delle due l'una: o è una persona che non capisce di diritto, e non ci credo perché è un avvocato competente e capace, oppure sta mentendo agli italiani, come facevano i ministri della Giustizia del governo Berlusconi. Il ministro Severino vuol far credere che con quel provvedimento si possa combattere la corruzione". Lo afferma il presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, che questa mattina si è recato a Ragusa per intervenire ad un incontro pubblico. "In realtà - prosegue Di Pietro - la corruzione crescerà ancora di più e aumenterà l'impunità, perché scatteranno prima le prescrizioni, perché sono stati aboliti reati importanti contro la pubblica amministrazione, come la concussione per induzione e soprattutto perché non è stato previsto il reintegro del reato di falso in bilancio. Il ministro Severino non prenda in giro gli italiani, come avvocato può difendere i clienti, ma quando fa il ministro deve difendere gli italiani".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata