Corruzione, Di Battista: Salvini spieghi puerile difesa di Siri

Milano, 19 apr. (LaPresse) - "Fatemi capire, la Lega pur di difendere un sottosegretario indagato per corruzione minaccia la crisi di governo? In questo momento c'è la crisi libica da affrontare (tra l'altro cominciata con quella guerra scellerata fatta quando la Lega era al governo con Berlusconi), ci sono i truffati dalle banche da risarcire, c'è il salario minimo da garantire e questi tirapiedi di Salvini minacciano di far cadere il governo perché Toninelli ha tolto le deleghe a un soggetto indagato per essersi messo a disposizione (in cambio di una mazzetta) di un imprenditore dell'eolico ritenuto socio occulto di un uomo legato al boss Matteo Messina Denaro?". Lo scrive l'ex deputato M5S, Alessandro Di Battista, su Facebook. "Ma questo Siri quanto è potente? - si domanda -. Quante cose conosce se per difenderlo i leghisti minacciano la caduta del governo? Tra gli gnocchi di semolino e un bombolotto alla crema, Salvini spiegasse all'Italia intera le ragioni di questa puerile difesa. Ne guadagnerebbe in credibilità, oltre che in calorie".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata