Corruzione, Cantone: Nel decreto non ci sono poteri straordinari

Roma, 3 lug. (LaPresse) - "Con riferimento al decreto" anticorruzione "non ci sono poteri straordinari: ci sono poteri nuovi, ma non straordinari, né ci sono vestiti da Superman o la bacchetta magica".

Così il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, nel corso di una tavola rotonda alla Corte dei Conti.

"Io non credo che la mia nomina - ha aggiunto Cantone - sia stata indispensabile nè tantomeno potrà essere risolutiva di chissà quali problemi: i problemi della corruzione, come quelli della mafia, non possono essere risolti in sei mesi o in sei anni". "Il problema - ha sottolineato - è cercare di inserire un sistema virtuoso".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata