Coronavirus, decreto: Sino a fine emergenza porti italiani 'non sicuri' per soccorsi

Roma, 8 apr. (LaPresse) - Per "l'intero periodo di durata dell'emergenza sanitaria nazionale derivante dalla diffusione del virus Covid-19" i porti italiani "non assicurano i necessari requisiti per la classificazione e definizione di Place of Safety ('luogo sicuro'), in virtù di quanto previsto dalla Convezione di Amburgo, sulla ricerca ed il salvataggio marittimo, per i casi di soccorso effettuati da parte di unità navali battenti bandiera straniera al di fuori dell'area Sar italiana". Lo prevede un decreto firmato da quattro ministeri: Infrastrutture e trasporti, Esteri, Interno e Salute, che rientra nella strategia di contrasto alla diffusione del coronavirus. Il testo produce effetto "per la durata del periodo di emergenza sanitaria di cui alla deliberazione del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata