Coronavirus, Confapi: Concordi a chiudere tutte attività non essenziali

Milano, 21 mar. (LaPresse) - “Oggi più che mai dobbiamo essere un Paese solo, la salute è un bene comune che va tutelato a Nord come a Sud. Perciò in nome della responsabilità e dell'unità di intenti nella lotta al Coronavirus, concordiamo nel chiudere tutte le attività lasciando ovviamente aperte le aziende veramente strategiche e delegando ai Prefetti il compito di verificare l'attuazione di queste disposizioni e tutte le particolari esigenze”. Così il presidente di Confapi, Maurzio Casasco, al termine della videoconferenza con il presidente Conte e le parti sociali.

“Contemporaneamente a questo atto di coesione e responsabilità, bisogna però affrontare con urgenza e coraggio i temi del fisco e del credito. Ipotizzando da subito una lunga dilazione degli oneri fiscali per tutti, la non applicazione delle regole contabili Ifrs9 e aprendo immediatamente un tavolo con Abi per richiamare gli istituti di credito alla loro responsabilità sociale e all'attenzione per le attività produttive sui territori. Spetterà ovviamente al presidente Conte e al Governo a prendere le decisioni più opportune”, conclude Casasco.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata