Coronavirus, Baffi (Iv) si dimette da presidente commissione lombarda

La renziana era stata eletta il 26 marzo scorso 

"Poiché credo fermamente nell'importanza della commissione d'inchiesta, che avrà il compito di fare chiarezza sull'emergenza sanitaria che ha tanto segnato la nostra regione e le nostre vite e che dovrà anche portare all'avvio di un percorso di revisione della riforma sanitaria regionale, per sanare le carenze del sistema e superare le debolezze che sono emerse in questi mesi, con la presente rassegno le mie dimissioni dalla carica di Presidente a far data da oggi, nella speranza che ciò possa contribuire a ristabilire un clima favorevole allo svolgimento dell'importante lavoro che ci aspetta". È quanto scrive Patrizia Baffi (Italia viva) in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi, con la quale annuncia e rassegna le sue dimissioni da presidente della commissione regionale d'inchiesta sull'emergenza Covid-19.

Dopo le dimissioni dalla commissione rassegnate venerdì scorso dai componenti del Partito democratico, nel primo pomeriggio di oggi erano state formalizzate anche le dimissioni dei componenti del Movimento 5 Stelle. "Per il buon esito dei lavori della commissione d'inchiesta - conclude Baffi - ritengo fondamentale la partecipazione e il contributo diretto di tutti i rappresentanti delle minoranze, senza i quali non ha nemmeno senso avviare e far partire la commissione".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata