Conte in missione a Bruxelles: "Vorrei patto con Ue che consenta la crescita"
Conte in missione a Bruxelles: "Vorrei patto con Ue che consenta la crescita"

Giornata nella capitale belga per il presidente del Consiglio: "Confido in elevata convergenza con nuova Commissione". Faccia a faccia con von von der Leyen, Tussk, Sassoli, Juncker e Michel. "Italia oggi più forte, vogliamo ruolo in rinnovamento Europa"

Giornata europea per Giuseppe Conte. Il premier è a Bruxelles dove ha visto la presidente eletta della Commissione europea  Ursula Von der Leyen. L'agenda prevede anche faccia a faccia con il presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk, , il presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, il presidente uscente della Commissione Europea, Jean-Claude Juncker e infine il presidente designato del Consiglio Europeo, Charles Michel, 

"L'Italia oggi è più forte, e con il nuovo governo intendiamo svolgere un ruolo di primo piano in questa fase di rinnovamento dell'Unione europea. La mia determinazione è massima e confido di poter riscontrare un elevato grado di convergenza con la nuova Commissione europea", ha scritto il premier su Facebbok. Poi dopo l'incontro con von dr Lyen ha incontrato i giornalisti.  "Vorrei con l'Ue stabilire un patto, abbiamo una stagione riformatrice e abbiamo bisogno di tempo, non si esaurisce in qualche mese. Dobbiamo fare degli investimenti che ci consentano crescita economica, creare occupazione anche di qualità e su questo vogliamo fare un patto per l'Europa: questi sono i nostri progetti, lasciateceli realizzare", ha affermato il presidente del Consiglio 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata