Cdr Tg1 e Usigrai: Tentativo intimidatorio M5S non va a buon fine

Roma, 23 ago. (LaPresse) - "Ancora una volta il Movimento Cinque Stelle ha fatto quello che nessuna forza politica dovrebbe mai fare.

Mettere all'indice, nel blog di Beppe Grillo, con nome, cognome e addirittura immagine, una collega che ha fatto onestamente il suo mestiere di cronista. E' una pratica che il Cdr del Tg1 e il segretario dell'Usigrai condannano e respingono categoricamente". E' quanto si legge in una nota firmata dal CdR del Tg1 e dal Segretario Usigrai.

"Libertà di stampa - si legge ancora - non è certo riportare quello che un responsabile della comunicazione del M5S ritiene essere la parte importante dell'intervento di Grillo, ma farne una sintesi in totale autonomia e libertà. Il servizio del Tg1, inoltre, ha rispecchiato quello che peraltro è apparso ampiamente su tutti i principali quotidiani italiani. Vizio della vecchia politica lottizzatrice la pretesa di scegliere i brani da riportare ed il taglio da dare ai servizi di cronaca politica. Ma non è così che si fa. E se nell'intervento di Rocco Casalino sul blog di Grillo c'era un vago sentore intimidatorio, sappia che il tentativo non è andato a buon fine. Le giornaliste e i giornalisti del Tg1 e della Rai Servizio Pubblico - concludono - continueranno a fare il loro lavoro avendo come unico faro il rapporto di fiducia che da anni ed anni li lega ai loro telespettatori".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata