Caso Ruby, Senato vota sì a conflitto di attribuzione con pm Milano

Roma, 14 set. (LaPresse) - Il Senato, con 151 voti favorevoli e 129 contrari, ha deliberato di costituirsi in giudizio nel conflitto di attribuzione sollevato dalla Camera dei deputati nei confronti del procuratore della Repubblica e del giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Milano sul caso Ruby, che coinvolge il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Quindi, come già ad aprile aveva fatto la Camera, anche il Senato solleva il conflitto di attribuzione ritenendo che debba essere solo il tribunale dei ministri ad occuparsi della questione della telefonata di Silvio Berlusconi alla questura di Milano per far rilasciare Karima El Mahroug, meglio conosciuta come Ruby Rubacuori.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata