Caso escort, Berlusconi: Per me 11 ragazze, mi sono fermato a 8

Bari, 16 set. (LaPresse) - "Erano in 11 e io me ne sono fatte solo 8 perché non potevo fare di più... Non si può arrivare a tutto. Però stamattina mi sento bene, sono contento della mia capacità di resistenza agli assedi della vita". Così Silvio Berlusconi al telefono con Gianpaolo Tarantini, racconta il primo gennaio 2009 la sua serata di Capodanno appena conclusa, dopo essersi scambiato gli auguri con l'imprenditore barese. Si tratta di una delle intercettazioni contenute nel materiale probatorio che la procura ha messo a disposizione degli avvocati. "Che cosa ci tocca fare la notte del primo dell'anno - prosegue Berlusconi - senti io sono qui e ho tutti i letti occupati, non so come fare a dirti venite. Queste non vanno via nemmeno con le cannonate. Il prezzo è buono, il vitto anche. Sai ieri sono stato sulle automobiline tre ore, hanno fatto le gare e non le tiravi più giù". Tarantini domanda: "Ma quante ragazze ci sono?" e Berlusconi risponde: "40". Tarantini: "Tutte sono venute". Berlusconi: "No... tutte no. Erano 67 quelle, intanto ho comprato una casa qua vicino, per ampliare i posti. Dodici posti in più".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata