Campidoglio, Raineri rivela: Muraro mi disse di essere indagata
Sul caos giunta, parola all'ex capo di gabinetto di Virginia Raggi

Paola Muraro "mi disse che aveva saputo di essere indagata e che voleva valutare l'opportunità di andare a parlare con il pm per caldeggiare l'archiviazione. Io la sconsigliai. Ricordo di averle detto subito: 'A Milano queste cose non si fanno'. Quindi aggiunsi che si trattava di una mossa controproducente. Se dopo averla ascoltata il pm non avesse archiviato, questo avrebbe aggravato la sua posizione. Al colloquio era presente la sindaca". Queste le rivelazionu di Carla Raineri, ex capo di gabinetto della sindaca di Roma, intervistata da Repubblica.

"Il mio stipendio? Non nego fosse elevato. Ma in linea con quanto percepivo da magistrato. In ogni caso, l'ultimo mio atto in Campidoglio contiene la rinuncia a ogni compenso per l'attività svolta dal 22 luglio al 31 agosto. Piuttosto, sa da chi venne determinato il mio stipendio, ovvero Salvatore Romeo - aggiunge - Per me, la presenza dell'ex assessore al Bilancio Marcello Minenna era la migliore garanzia della serietà delle intenzioni dei neo-eletti. Ma non si può restare in un luogo di lavoro dove si è avvertiti come una minaccia. Invitai la Raggi a riflettere. Le professionalità in campo non avrebbero avuto problemi nel bypassare personaggi del tutto mediocri: di fatto, però, il duo Marra-Romeo ha continuato a gestire il Campidoglio forte della protezione della Raggi e nell'indifferenza degli altri". Raineri poi parla della sindaca: "Lei vittima dei poteri forti? Se così fosse non ce ne saremmo semplicemente andati".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata