Calabria, Salvini: "Unica immigrazione per noi far rientrare i calabresi costretti a scappare per lavorare"

Così il leader della Lega a margine di un evento elettorale a Riace: "Le sardine? Non mi occupo di pesciolini e uccellini"

Matteo Salvini a Riace, paese simbolo dell'accoglienza, per un comizio elettorale in vista delle Regionali in Calabria. "L'unica immigrazione per cui lavoreremo sarà quella dei figli e i nipoti della Calabria, scappati dalla Calabria. Obiettivo riportare in Calabria gente che è stata costretta a scappare per lavorare", ha spiegato il leader della Lega aggiungendo. "La ricchezza della Calabria non sono barchini, barconi nuovi schiavi". Poi una battuta sulle sardine che hanno organizzato altre manifestazione nella regione. "Io preoccupato? Non mi preoccupano le minacce della mafia. Non mi occupo di pesciolini e uccellini".