Borsellino, Napolitano: Suo esempio ed eredità a base della lotta a mafia

Roma, 19 lug. (LaPresse) - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in occasione del 21° anniversario del criminale vile agguato di via d'Amelio, ha inviato a Manfredi Borsellino un messaggio nel quale rende "commosso omaggio alla memoria di Paolo Borsellino e di Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Cosina, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina, addetti alla sua sicurezza. Lo ha comunicato una nota del Quirinale."Come ho ricordato il 23 maggio scorso - si legge nella nota che riporta le parole di Napolitano - con i tragici attentati del 1992 in cui persero la vita Giovanni Falcone e Paolo Borsellino l'Italia fu ferocemente colpita nelle persone di suoi servitori eccezionali, di grandi magistrati, di autentici eroi di quella causa della legalità e della difesa dello stato costituzionale con la quale si erano identificati". "L'esempio e l'eredità che Paolo Borsellino ci ha lasciato prosegue - come tutti coloro che si sono sacrificati per tutelare i valori di giustizia, libertà e democrazia - sono oggi alla base delle iniziative sempre più numerose che spontaneamente si sviluppano nella società civile contro ogni forma di violenza e di insidiosa infiltrazione della criminalità organizzata. Nel suo ricordo, mi stringo ai familiari, rinnovando i sentimenti di gratitudine e di solidarietà di tutti gli italiani".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata