Bologna, Salvini visita il campo rom La sua auto presa a sassate

Bologna, 8 nov. (LaPresse) - Pietre sono state scagliate contro l'auto del segretario della Lega Matteo Salvini, che stamane si è recato al campo nomadi di via Erbosa a Bologna. Proprio in quel campo la consigliera comunale del Carroccio Lucia Borgonzoni, era stata schiaffeggiata qualche giorno fa. Lei si era presentata al campo rom e alcune giovani si erano avvicinate e le avevano chiesto di andare via, contestando le sue dichiarazioni contro la comunità rom riportate dai giornali. Nel video, pubblicato sul profilo Facebook di Salvini, si vede la consigliera ridere davanti alle contestazioni. Scattano così gli spintoni e una delle donne la schiaffeggia. Lei sempre ridendo, alla fine si allontana.

Dopo l'episodio Salvini aveva annunciato che si sarebbe recato di persona al campo. A quel punto l'associazione Nazione rom aveva chiesto un incontro prima della visita, senza ottenerlo, denunciando una "campagna propagandistica elettorale di chiara matrice razzista e di odio contro l'etnia rom da parte della Lega nord". Poi il presidente del quartiere Navile, Daniele Ara (Pd), aveva fatto appello a Salvini, chiedendo di "non venire a provocare". Persino il Comune aveva puntualizzato che chi non è consigliere comunale non può recarsi in visita nei campi nomadi per evitare di violare la privacy degli ospiti.

Contro la visita era scesa in campo anche l'Anpi. Il campo nomadi di via Erbosa, avevano ricordato, fu "assegnato nel 1991 dall'allora sindaco Renzo Imbeni ai sinti italiani, parenti delle vittime della strage di via Gobetti del 23 dicembre 1990, crimine commesso dai banditi della banda della Uno bianca". Perciò aveva fatto appello "a questore e prefetto di Bologna di proibire questa iniziativa".

Oggi la visita. L'auto su cui viaggiava Salvini è stata presa a calci e pugni prima ancora di arrivare al campo da giovani dei centri sociali. L'autista ha accelerato, e alcuni sassi hanno infranto i vetri.

SALVINI: "ECCO L'AUTO DISTRUTTA. BASTARDI". "Così i balordi dei centri sociali hanno distrutto la nostra macchina, prima ancora che ci avvicinassimo al campo rom. Noi stiamo bene. Bastardi", ha commentato su Facebook lo stesso Salvini, pubblicando alcune foto dell'auto sulla quale viaggiava stamane. Nelle immagini si vedono il lunotto posteriore frantumato e il vetro anteriore danneggiato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata