Bersani: Grillo dica che vuole fare. Se no tutti a casa, anche lui

Milano, 3 mar. (LaPresse) - "Dico io prima di Grillo, che ora gioca a fare l'uomo mascherato in giro, che di tavolini non ne apro, non sto qui a scambiare sedie, non ho intenzione di fare patti". Lo ha detto il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, nel corso della registrazione del programma di Fabio Fazio 'Che Tempo Che Fa'. "Bisogna che ognuno si prenda le sue responsabilità - ha precisato Bersani - Grillo ha voluto venire in Parlamento. Poteva anche stare a casa, lui e il Movimento 5 Stelle. Poteva dire siamo un movimento extraparlamentare. Ha detto 'vengo in Parlamento', ha un terzo dei parlamentari, adesso dice cosa vuole fare. Tutti a casa? - ha concluso -. Tutti, anche lui". "Un incontro con Grillo? No non ci sono stati assolutamente perché quello che dico faccio - ha aggiunto il segretario del Pd -. So benissimo ma lo si vede sulla rete, sui territori, che c'è un parlarsi tra i nostri, i loro, non più di questo".

Per quanto riguarda il rapporto con il Pdl, invece, Bersani ha detto che "immaginare che noi possiamo fare qualche accordo con chi ha fermato il cambiamento è irrealtà". "Io non so se è vero o falso - ha proseguito Bersani - ma è in corso un'indagine sul caso del senatore De Gregorio, sull'acquisto di parlamentari per ribaltare le elezioni. Non sono mica noccioline".

Sull'esito delle elezioni Bersani ha ammesso la sconfitta ma ha ribadito che la prima parola tocca al Pd. "Noi abbiamo perso perché abbiamo avuto un risultato inferiore alla aspettative e non riusciamo da soli a garantire al governabilità. Dentro a questa sconfitta ci sono delle cose particolari. Noi abbiamo 460 parlamentari, il doppio della destra, il triplo dei Grillo e quindi tocca a noi dire la prima parola su quello che bisogna fare". "Noi abbiamo letto i risultati - ha aggiunto - abbiamo capito da dove è arrivato per noi il problema. E' arrivato dal fatto che nella crisi più grave dal dopoguerra questo disagio sociale e questa rabbia ha messo in parte anche noi nel mucchio". Anche l'appoggio al governo Monti, ha concluso Bersani, "per noi ha comportato dei problemi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata