Berlusconi rinviato a giudizio per corruzione di testimoni
I legali dell'ex Cav: "Verrà processato per il 'reato' di generosità"

Silvio Berlusconi è stato rinviato a giudizio dal gup di Milano Carlo Ottone De Marchi per la vicenda 'Ruby ter'. L'accusa a carico dell'ex presidente del Consiglio è di corruzione in atti giudiziari. Berlusconi dovrà comparire davanti ai giudici della quarta sezione penale il prossimo 5 aprile. "Prendiamo atto di questo rinvio a giudizio. In dibattimento confidiamo di riuscire a dimostrare l'estraneità di Silvio Berlusconi" dalle accuse contestate, ma "il rischio concreto è che per la prima volta si proceda a processare Silvio Berlusconi per il reato di generosità", il commento dell'avvocato Federico Cecconi, che difende l'ex Cavaliere insieme al professor Franco Coppi, in merito al denaro speso infavore delle Olgettine coinvolte nel processo Ruby.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata