Berlusconi: Renzi mi piaceva, poi è emersa la sua arroganza
"Speravano di essersi liberati di me, invece sono ancora qui"

"Renzi mi è piaciuto all'inizio, poi è emersa la sua arroganza. Non basta il dinamismo dei giovani, occorre saggezza dell'esperienza". Silvio Berlusconi tiene banco nel corso di una riunione a Palazzo Madama con i gruppi di Forza Italia. "Dal governo Renzi ci sono stati solo fallimenti", ha attaccato, citando in particolare il Jobs Act, la riforma della Pubblica amministrazione, l'Italicum e la riforma costituzionale. "Quando mi hanno cacciato dal Senato speravano di essersi liberati di me, invece, come vedete, sono ancora qui", ha ammiccato l'ex Cav, "sono qui per senso di responsabilità verso di voi e soprattutto verso tutti gli italiani che mi hanno votato in questi 20 anni". Berlusconi ha poi passato in rassegna i "tanti i successi dei nostri governi: riduzione delle tasse, l'alta velocità, la patente a punti che ha salvato migliaia di vite". Gli "M5S vogliono tassare le eredità al 50%", mentre con Renzi ci sono 1,2 milioni di poveri in più".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata