Berlusconi: "Referendum sull'autonomia in tutte le regioni italiane"
Maroni: "Sono contento se in Lombardia riusciamo a superare il 34% dell'affluenza"

"Vedo buoni segnali. Sento un'aria di grande simpatia nei miei confronti, maggiore di quella che ho mai sentito in passato. Simpatia, rispetto e considerazione. Quindi spero si possa portare il nostro partito al 25-30%. Questo è il programma che mi sono dato". Lo ha detto il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, a margine della conferenza stampa di presentazione del referendum sull'autonomia di domenica 22 ottobre, parlando in vista delle prossime elezioni politiche. "Tutti ridevano quando ho detto che volevo costruire una città - ha aggiunto - che volevo portare il Milan a essere la squadra più titolata, che volevo fare una tv che facesse concorrenza alla Rai, che volevo andare a Palazzo Chigi in due mesi". E ha concluso: "Ora lo dico: arriveremo al 25%. Sono sicuro di non sbagliare". 

"Vogliamo proporre un referendum sull'autonomia per tutte le regioni italiane per spostare le competenze dal centro alla sede giusta che è quella regionale". ha aggiunto Berlusconi. "Il tema del federalismo - ha continuato - lo abbiamo avuto nei nostri programmi dal 1994 e lo abbiamo riproposto nella riforma costituzione bocciata nel 2006. Lo statalismo della sinistra deve essere sostituto con un vero federalismo. Lo Stato è sempre distante e le regioni possono garantire risorse e servizi ai cittadini".

Presente anche il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni: "Sono contento se riusciamo a superare il 34% dell'affluenza raggiunta nel referendum costituzionale del 2001".

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata