Berlusconi: Non vedo miei eredi, su unioni civili libertà coscienza
Il leader azzurro: Siamo grande partito liberale, ma a chi dovrei passare il testimone?

"Torno, torno, anche se sono stato sempre qui. Mi farò sentire di più anche perché con questa legge elettorale al ballottaggio arrivano i Cinquestelle. Un centrodestra dissolto porterebbe al ballottaggio Pd e M5S e alla fine vincerebbero questi ultimi". Così Silvio Berlusconi, in un colloquio con il quotidiano 'Il Messaggero'. "Renzi è in difficoltà. Da tempo è ormai sotto il trenta per cento. Al referendum rischia grosso. Vediamo quello che possiamo fare", ha aggiunto il  leader di Forza Italia, che sul tema delle unioni civili spiega: "Siamo un partito liberale al passo con i tempi, ma rispettiamo l'opinione di tutti. Nei prossimi giorni riuniremo i gruppi parlamentari e penso che daremo libertà di coscienza". "Abbiamo tantissimi giovani pronti ad impegnarsi. Presto vedrete che bella squadretta di giovani sono riuscito a mettere in piedi in questi anni", ha spiegato l'ex premier. E ha confermato che il suo impegno politico continuerà: "Non ho voglia, mi creda, ma a chi dovrei passare il mio testimone? A chi? Mi rivedrete presto molto più spesso anche in tv".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata