Berlusconi: Ho fatto un incubo, Monti premier e Fini ministro fogne

Roma, 23 dic. (LaPresse) - Berlusconi show a 'L'Arena' su Rai 1. L'ex premier, intervistato da Massimo Giletti, prima si alza e fa per andarsene, lamentando di essere interrotto con troppa frequenza e poi, per smorzare, racconta una storiella: "Stanotte - ha detto - ho avuto un incubo e mi sono svegliato gridando. Ho sognato un governo con Monti ancora presidente del consiglio. C'era Ingroia alla Giustizia, Di Pietro alla Cultura, Fini aveva le fogne, e quello di Sel (Vendola, ndr) alla Famiglia. E poi non le dico cosa faceva la Bindi".

"Mi lasci rispondere. Me ne vado? Se mi interrompe ancora mi alzo e me ne vado", aveva detto poco prima. Visibilmente alterato, alzandosi in piedi, rivolgendosi a Giletti che lo incalzava con le domande, è poi tornato alla poltrona: "Mi siedo per l'ultima volta". "Lei è abituato alla Barbara D'Urso della settimana scorsa", gli ha risposto Giletti. "Lei è uno sportivo - ha smorzato con un sorriso - lo sa che si deve fare il match, mi faccia fare le domande". E poi ha aggiunto: "Lei lì è a casa sua ed è giusto che abbia tutto quello che vuole. Ma quando vedrò Bersani un'ora dalla D'Urso avrò lo stesso sorriso". Lasciando lo studio, Berlusconi è tornato sulla questione, con una battuta: Barbara D'Urso "non è soltanto bella, ma è anche molto brava e gentile".

Tornando a parlare di Monti, Berlusconi ha detto: "Mi spiace che gli sfugga la linearità del mio comportamento e delle mie dichiarazioni". E poi ha spiegato: "Monti è umanamente gradevole ma è un professore. Non è mai stato nella trincea del lavoro. Di errori questo governo ne ha fatti troppi". "Agli italiani - ha concluso - voglio dire di non lasciarsi incantare dai pareri che vengono espressi a destra e sinistra. Questo governo ha tolto 2.500 euro a ogni famiglia, il che vuol dire che alla famiglia di un operaio ha tolto due mensilità. Prima di votare guardate in faccia le persone e vedete cosa hanno fatto nella vita, in pratica e non solo a parole".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata