Lo striscione esposto e poi rimosso dai pompieri - Foto postate dal sindaco Giorgio Gori
Lo striscione esposto e poi rimosso dai pompieri - Foto postate dal sindaco Giorgio Gori
Bergamo, striscione contro Salvini rimosso dai vigili del fuoco. Il sindaco Gori: "Chi ha dato l'ordine?"

Era stato esposto da una signora in occasione di un comizio del vicepremier a Brembate. Lo stupore dell'esponente dem

Rimosso dai vigili del fuoco uno striscione contro Matteo Salvini esposto da una signora a Brembate (Bergamo), in occasione di un'iniziativa politica del leader della Lega. A commentare con stupore la notizia il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori: "Stamattina alle 9 Salvini parlava a Brembate (Bergamo) ad un'iniziativa di partito. Una signora ha esposto alla finestra uno striscione. Poco dopo lo striscione è stato rimosso dai vigili del fuoco. Domando: chi ha dato loro l'ordine di intervenire? A che titolo?", scrive il dem su Twitter, pubblicando pubblicato le foto dello striscione con su scritto 'Non sei il benvenuto' e dell'intervento per rimuoverlo.

Non è ancora arrivato un commento di Matteo Salvini, ma intanto piovono messaggi del Pd. "Qualsiasi messaggio difforme dal pensiero di Salvini va rimosso e zittito? Dalle TV alle strade. Viva la libertà di opinione, di parola, di pensiero! Sempre!", sono le parole di Maurizio Martina su Twitter. E il senatore dem Davide Faraone aggiunge: "Arriva Salvini a Brembate, comune di Bergamo, e deve essere per forza il benvenuto. Salvininonseiilbenvenuto e, soprattutto, chi ha dato l'ordine di rimuovere quello striscione e perché?".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata