Crisi governo, spunta un'inedita convergenza Grillo-Renzi
Crisi governo, spunta un'inedita convergenza Grillo-Renzi

Entrambi contro elezioni immediate e a favore di un governo istituzionale. "Folle un voto un subito", dice l'ex segretario dem. "Salviamo il paese dal restyling in grigioverde", aveva scritto sul Blog delle Stelle il comico genovese.

Si crea una possibile inedita convergenza tra Beppe Grillo e Matteo Renzi contro un ritorno al voto già a ottobre come chiesto da Matteo Salvini dopo aver ufficializzato la crisi di governo. In un'intervista al Corriere della Sera l'appello dell'ex segretario dem rivolto a tutte le forze politiche "dalla Lega ai 5 Stelle, da Forza Italia alla sinistra radicale, dalle Autonomie ai sovranisti fino ai gruppi parlamentari del Pd, della cui tenuta non dubito. A tutti. Ci vuole un governo istituzionale che permetta agli italiani di votare il referendum sulla riduzione dei parlamentari, che eviti l’aumento dell’Iva, che gestisca le elezioni senza strumentalizzazioni".

Sabato Beppe Grillo era tornato a parlare dopo diverso tempo con un lungo post sul blog delle stelle dal quale lancia un messaggio chiaro: nessun voto subito. "Altro che elezioni, salviamo il paese dal restyling in grigioverde dell’establishment, che lo sta avvolgendo! Come un serpente che cambia la pelle", scrive Grillo.

Poi il duro attacco alla Lega: "Mi eleverò per salvare l’Italia dai nuovi barbari, non si può lasciare il paese in mano a della gente del genere solo perché crede che senza di loro non sopravviveremmo. Un complesso di Edipo in avvitamento che è soltanto un’illusione", ha tuonato il comico. "Lasciamoci quindi alle spalle Psiconani, Ballerine e Ministri Propaganda a galleggiare come orridi conglomerati di plastica nei mari: per loro quella è vita, una gran vita, per noi soltanto sporcizia non biodegradabile", dice ancora Grillo.

Nel post, intitolato la "coerenza dello scarafaggio", il garante del M5S analizza poi il momento che stanno attraversando i pentastellati: "Il mondo politico europeo ha un 'punto fisso rispetto alle stelle': il MoVimento 5 Stelle è biodegradabile, e ci contano così tanto che non resta da fare altro: deluderli. Perché non sanno neppure cosa significhi biodegradabile. La vita scorre per cicli: prima eri uno che tentava di tenere duro con Salvini e adesso, solo perché lui è nel pieno del suo ciclo di vuoto intamarrimento tu devi morire? Io non vorrei che la gente abbia confuso la biodegradabilità con l’essere dei kamikaze".

Infine il "post scriptum" nel quale afferma che quella di Salvini è "una fuga e non un tradimento": "Lui scappa dagli impegni che ha preso perché è un infiltrato dell’establishment che si sente scoperto. Sta scappando dal governo e dagli italiani remando nel lago del loro risentimento", chiosa Grillo.

Il post ha ovviamente richiamato l’attenzione del mondo pentastellato con Luigi Di Maio che lo ha immediatamente condiviso su Facebook. "Beppe è con noi ed è sempre stato con noi! Il vero cambiamento è il taglio dei parlamentari. Le vere elezioni si fanno con 345 poltrone in meno. Serve cambiare. E subito!", ha scritto sul social il capo politico grillino.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata