Governo, Becchi: "Avanti fino a Europee, via gli incompetenti da M5S"

L'intervista all'ideologo pentastellato: "È l'Unione europea che non rispetta le regole, non l'Italia"

Il governo "non corre nessun rischio" anche perché "non ci sono alternative praticabili". M5S-Lega possono dormire sonni tranquilli "almeno fino alle elezioni Europee". Dopo, "sarebbe forse opportuno pensare a un rimpasto" perché i grillini hanno messo degli incompetenti a ricoprire ruoli chiave. Lo dice a LaPresse Paolo Becchi, considerato da molti, in passato, ideologo del M5S, e da tempo promotore della trasformazione del Carroccio in "una Lega nazionale e del sovranismo". Per l'autore di 'Italia sovrana', poi, giusto andare avanti con la manovra perché, dice sicuro, "è l'Unione europea che non rispetta le regole, non l'Italia".

Non crede alla 'manina' del sottosegretario Giancarlo Giorgetti che agisce sull'emendamento sul peculato per far cadere il Governo?  
Ma figuriamoci. Il peculato e le altre cose derivano dal fatto che queste due forze, invece di creare una dialettica interna tra tesi e antitesi restano bloccate sulle rispettive posizioni. Sarebbe stato piu utile che si discutessero insieme i progetti legati al contratto e poi si presentassero in comune. Non 'Io ti do la legittima difesa e tu mi devi approvare il ddl anticorruzione'. Questo atteggiamento 'do ut des' non funziona. E' vero che si tratta di un contratto di governo, ma i cittadini si aspettavano qualcosa di diverso.  Hegelianamente dovrebbero operare una sintesi, ma la sintesi non c'è.

Insieme fino alle Europee, quindi? 
Ma sì, Berlusconi torna a dire di un Governo di centrodestra ma a Salvini non conviene affatto. Lascerebbe a Di Maio tutto lo spazio della protesta, e farebbe il pienone di voti. Dal punto di vista politico sarebbe un errore micidiale. Mica è scemo Salvini.

E dopo le Europee?
Dopo liberi tutti perché se i risultati sono confortanti per entrambi, il governo va avanti per l'intera legislatura. Se  c'è uno squilibrio allora se ne può parlare. Magari facendo un rimpasto. Il dramma di questo governo è che, il M5S soprattutto, ha messo persone incompetenti in posti chiave, questo dobbiamo dirlo. La Grillo è fuori dalla grazia di Dio, Toninelli ormai è diventato una macchietta, e il ministro della cultura ...esiste? Sono figure che sono un danno complessivo per il Paese. Dopo le elezioni europee dovrebbero procedere a un rimpasto in alcune figure chiave. Servono persone che abbiano capacità non incompetenti.

Intanto il Governo è alle prese con la bocciatura dell'Ue sulla manovra...
Sulla manovra l'accordo c'è stato e c'è tuttora: non vedo difficoltà. Però, se tu sei sotto attacco, perché questa è la situazione, dovresti utilizzare degli strumenti per difenderti. Dire semplicemente 'ce la mettiamo tutta e chiediamo rispetto dall'Europa' non basta, non vuol dire niente. Se questi hanno deciso di farti il bidone tu devi cercare di rispondere.

In che modo? Quali sono questi strumenti?  R: La prima osservazione da fare, che nessuno fa è che illegali sono loro.
Chi non rispetta le regole non è il Governo è l'Ue. Le regole Ue sono quelle stabilite dai trattati di Maastricht e poi di Lisbona. Se andiamo a vedere questo documento dice che il deficit è possibile farlo fino al 3%, addirittura in casi eccezionali sono ammessi sforamenti transitori oltre il 3%. Qui abbiamo una manovra che è il minimo sindacale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata