Banche, Iv: Ingiusto e pericoloso votare decreto a scatola chiusa

Roma, 14 dic. (LaPresse) - "Non tocca a noi scoprire chi sia responsabile dei problemi di gestione e/o vigilanza della Banca Popolare di Bari. Siamo disponibili a sostenere i risparmiatori come abbiamo fatto, in modo molto più soft, nel 2015 e nel 2017. La procedura che viene immaginata per Bari, tuttavia, è per larghi tratti inedita. E dovendo impiegare un miliardo del contribuente appena qualche ora dopo l'assicurazione del Premier che negava ogni ipotesi di interventi, ci pare giusto capire meglio di che cosa stiamo parlando. Votare a scatola chiusa un decreto così importante è ingiusto e pericoloso". Lo dichiarano il coordinatore nazionale di Italia Viva, Ettore Rosato, e la ministra Teresa Bellanova, capo delegazione di Italia Viva al governo. "Salvare i risparmiatori è una priorità. Aiutare i lavoratori un dovere. Decidere come farlo riguarda tutti. A meno che - sottolineano - non ci sia qualcuno che deve nascondere qualcosa. Rimane la curiosità intellettuale di sapere che cosa sia accaduto a chi ha costruito la propria campagna elettorale insultandoci come amici delle banche e oggi non solo mette centinaia di milioni del contribuente per una banca, ma addirittura ci accusa di irresponsabilità solo perché abbiamo chiesto di avere qualche ora per vedere un decreto che, a differenza di ciò che facemmo noi, stanzia un miliardo dei cittadini per rimediare agli errori di chi ha gestito la Popolare di Bari. Anche sulle banche il tempo è stato e sarà galantuomo", concludono.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata