M5S, bufera per frase di Grillo su autistici. Renzi: "Per me fai schifo"

Polemiche dal Pd a Forza Italia, passando per il mondo delle associazioni

Quaranta minuti sul palco e il via ad almeno due casi politici. L'atteso intervento del co-fondatore del M5S, Beppe Grillo, al Circo Massimo ha scatenato un'altra bufera, dopo quella sui poteri 'da ridurre' per il presidente della Repubblica. Il comico, con una battuta, ha infatti scelto di ironizzare sui politici italiani, chiamandoli autistici. A insorgere il mondo dei partiti (con Pd e Fi in prima fila) e quello dell'associazionismo.

"L’autismo è la malattia del secolo. L’autismo non lo riconosci, per esempio è la sindrome di Asperger (la sindrome di cui ha rivelato di soffrire anche la scrittrice Susanna Tamaro): c’è pieno di questi filosofi in televisione che hanno la sindrome di Asperger - ha detto durante la festa del M5S -. Che è quella sindrome di quelli che parlano in quel modo e non capiscono che l’altro non sta capendo. E vanno avanti e fanno magari esempi che non c’entrano un cazzo con quello che sta dicendo, hanno quel tono sempre uguale. C’è pieno di psicopatici…". Durissimo il commento dell'ex segretario dem, Matteo Renzi: "Chi ha un figlio con disturbi allo spettro autistico combatte ogni giorno perché il suo bambino non venga discriminato. Che vergogna vedere il primo partito italiano che chiude la propria festa annuale con parole di scherno verso queste famiglie. Ma nella mia scala di valori prendersi gioco di un bambino autistico è peggio che offendere il presidente della Repubblica. Senza giri di parole: Beppe Grillo, per me fai schifo".

Contro Grillo si scaglia anche il senatore del Pd e fondatore dell'Associazione italiana autismo, Davide Faraone: "Caro Beppe Grillo, ieri deridevi le persone autistiche e al circo massimo sghignazzavano. Non c'è niente da ridere, sei un vigliacco". Protestano Leu e FdI, mentre Forza Italia parla di "frasi inaudite", con la deputata Giusy Versace che lancia un appello: "Ritagliati del tempo e vieni con me nei centri che si occupano di ragazzi autistici. Chiedere scusa guardando in faccia le persone offese aiuta anche quelli come te! #flydown".

Sui social nessuno risparmia l'uscita infelice e offensiva del fondatore del M5S, che rimbalzano su Facebook con il video integrale dell'intervento. Proprio sulla pagina 'Per noi autistici' arriva l'ultimo affondo: "Dovresti sapere che chi ha un figlio autistico già deve ogni istante combattere perché il figlio non sia discriminato, non debba subire lo scherno di chi non capisce che proprio quel suo ‘non capire’ non è dovuto a cattiveria ma a un suo modo d’essere, al suo ‘cervello diverso. Non è bello prendere in giro noi autistici, darci degli psicopatici e usarci come oggetto di scherno".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata