Aperture domenicali, testo del relatore in stand by. Ci saranno nuove audizioni

Dara (Lega): "E' un tema molto dibattuto, che interessa tutti. Se le opposizioni ci chiedono di audire nuovamente, noi lo faremo e cercheremo di arrivare ad una sintesi"

"Quello che è successo è molto semplice: il mio testo è una sintesi delle audizioni fatte in commissione e delle 7 proposte di legge arrivate da tutte le parti politiche. Pd e Forza Italia non si sono dichiarati contenti ma hanno preso atto, soprattutto Forza Italia, che si trattava di un testo migliorativo". Lo spiega a LaPresse Andrea Dara, deputato leghista relatore del disegno per regolamentare l'apertura domenicale dei negozi.

Dara spiega che in ufficio di presidenza, dopo le richieste di Pd e Forza Italia, si è deciso che la settimana prossima si discuterà per individuare le associazioni che potrebbero partecipare a nuove audizioni. : da qui si parte, possiamo sicuramente migliorare, accettiamo contributi da parte di tutti".

Dara ricorda che "siamo stati noi ad inserire le deroghe sui centri storici (dove i negozi potranno tenere aperti anche la domenica)", e che rispetto alle proposte originarie della Lega (8 aperture domenicali) e dei 5Stelle (12 aperture) si è arrivati fino a 26. Forza Italia vorrebbe un numero ancora più alto.

Giovedì scorso in commissione Attività produttive alla Camera, era stata incardinata una proposta di legge sulle aperture domenicali basata proprio sul testo di sintesi del relatore. Come detto, il tetto massimo è di 26 domeniche aperte l'anno, con deroghe per zone turistiche e nei centri storici, e chiusura obbligatoria nelle 12 festività nazionali (laiche e religiose), di cui 4 derogabili su scelta delle Regioni.

I negozi dei centri storici potranno rimanere aperti tutte le domeniche, ma non nelle festività nazionali (Capodanno, Epifania, Pasqua e Pasquetta, Liberazione, festa del Lavoro, della Repubblica, Ferragosto, Ognissanti, Immacolata concezione, Natale e Santo Stefano). Deroghe simili sono previste anche per negozi di vicinato, anche se fuori dal centro storico.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata