Anm: Ddl Palma compromette libertà espressione magistrati

Roma, 28 mag. (LaPresse) - Il disegno di legge (numero 112) presentato in commissione Giustizia al Senato da Francesco Nitto Palma (Pdl) rappresenta "una grave compromissione della libertà di espressione e un conseguente vulnus ai diritti costituzionali del magistrato, con rischi di condizionamento indiretto sull'esercizio della funzione giudiziaria", in quanto le norme "contengono una pericolosa violazione del principio di tassatività, lasciando enorme discrezionalità nella concreta individuazione degli illeciti". E' quanto afferma l'Associazione nazionale magistrati. Il ddl, già soprannominato 'salva-Berlusconi', prevede, tra le altre cose, il blocco dei processi per sei mesi se il pubblico ministero titolare è sottoposto a sanzione disciplinare per dichiarazioni o comportamenti che pregiudicano la sua imparzialità.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata