Andreotti, Napolitano a camera ardente. Oggi i funerali

Roma, 7 mag. (LaPresse) - Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si è recato stamane a rendere omaggio a Giulio Andreotti, morto nella sua casa romana ieri a mezzogiorno e mezzo. Il capo dello Stato, accompagnato da Donato Marra è entrato, ha salutato la ressa di giornalisti che circondano il portone ed è salito senza rilasciare dichiarazioni. Napolitano andandosene ha stretto la mano a Gianni Letta, che ha lasciato con lui la residenza romana del senatore a vita. Molte altre personalità politiche hanno dato l'ultimo saluto ad Andreotti: da Fabrizio Cicchitto a Francesco Rutelli, ma anche Gianfranco Fini e Nicola Mancino. Oggi pomeriggio alle 17 si tengono i funerali in forma privata nella chiesa di San Giovanni dei Fiorentini.

A fine mattinata anche il segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone è arrivato a rendere omaggio a Giulio Andreotti, nella camera ardente.

Arnaldo Forlani, uscito dalla casa di Andreotti, ha affermato: "E' senza dubbio un grande uomo di stato, che ha segnato lo storia d'Italia. Spero che si ristabilisca la verità e finisca la giostra delle interpretazioni più o meno contraddittorie".

In mattinata anche il presidente del Senato aveva commentato dicendo, a 'Radio Anch'io': "Con una battuta risolveva situazioni complicate. Penso che la storia guarda con distacco alle cose del nostro tempo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata