Ambiente, Palazzo Chigi: Al via #italiasicura', interventi per 4 mld

Roma, 9 lug. (LaPresse) - È entrata in fase operativa '#italiasicura' la struttura di missione di Palazzo Chigi contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche, coordinata da Erasmo D'Angelis e con direttore Mauro Grassi, presentata questa mattina con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio. Il progetto prevede 3395 cantieri anti-alluvione, la mess ain sicurezza di frane e 183 opere per la depurazione degli scarichi urbani e il disinquinamento di fiumi e laghi. L'ammontare complessivo degli interventi - che ci saranno in tutte le Regioni - è di 4 miliardi di euro.

Secondo i dati forniti dalla presidenza del Consiglio, l'81,9% dei Comuni italiani (6.633) hanno aree in dissesto idrogeologico. Il costo pagato dallo Stato dal 1945 ad oggi per danni e risarcimenti da frane e alluvioni è pari a 3,5 miliardi l'anno.

Il numero complessivo degli interventi previsti (da Accordi di programma Stato-Regioni siglati nel 2009-2010 e da richieste successive in seguito ad eventi meteo devastanti) è di 3.395 opere anti-emergenza. A distanza di 4 anni, solo il 3,2% degli interventi (109) risulta concluso, il 19% (631) in corso di esecuzione e il 78% è fermo, ("ostaggi di burocrazia", spiega Palazzo Chigi) in fase di progettazione o di affidamento o non ancora finanziati e comunque ancora molto lontano dalla fase di cantiere.

Il Governo ha affidato alla struttura di missione misure straordinarie e il compito di fare regia e coordinare tutte le strutture dello Stato (Ministeri, Protezione civile, Regioni, Enti locali, Consorzi di bonifica, Provveditorati alle opere pubbliche, Genio Civile ed enti e soggetti locali), per trasformare in cantieri oltre 2,4 miliardi di euro non spesi dal 1998 per ridurre stati di emergenza territoriali (casse di espansione e vasche di laminazione di fiumi e torrenti, argini anti-alluvioni, briglie per regimentazione acque, messa in sicurezza di frane, stabilizzazione di versanti a rischio crollo, riattivazione di linee Fs locali interrotte e di ponti e infrastrutture viarie di Anas).

In più nel bilancio dello Stato sono utilizzabili e ancora non spesi né impegnati in fase di cantiere 1,6 miliardi di euro stanziati con delibera del Cipe - il Comitato interministeriale per la programmazione economica - nel 2012 per opere urgenti di fognature e depuratori nelle Regioni del Sud da concludere entro il 2015 (la maggior parte tra Sicilia e Calabria).

"Per la prima volta l'Italia - spiega Erasmo D'Angelis - fa un salto di qualità e investe sulla protezione del territorio e sulla prevenzione anziché concentrarsi sull'intervento in fase di emergenza. E' il momento di accelerare interventi e investimenti".

Il problema, spiega il coordinatore di #italiasicura, riguarda anche il cambiamento delle precipitazioni: "in poche ore - dice - piove quanto poteva cadere in mesi". Dai 100 eventi meteo con danni ingenti l'anno registrati fino al 2006 si è passati al picco di 351 del 2013 e a 110 nei soli primi 20 giorni del 2014. Da ottobre 2013 all'inizio diaAprile 2014 sono stati richiesti dalle Regioni 20 stati di emergenza con fabbisogni totali per 3,7 miliardi di euro. "E la Commissione Europea - dice D'Angelis - ha già stabilito sanzioni nei confronti dell'Italia per diverse centinaia di milioni l'anno per mancata depurazione di scarichi urbani che vedono il nostro Paese tra i primi inquinatori in area Ue. Tali sanzioni potrebbero essere ridotte o cancellate solo se le opere previste saranno realizzate entro dicembre 2015".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata