A Casellati mandato esplorativo mirato: verifica su governo centrodestra-M5s
La mossa per provare ad uscire dallo stallo. La presidente del Senato dovrà riferire entro venerdì

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha convocato al Quirinale la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e le ha affidato un mandato esplorativo mirato. Casellati avrà il compito di verificare l'esistenza di una maggioranza parlamentare tra i partiti della coalizione di centrodestra e il M5s e dovrà riferire entro la giornata di venerdì.

"Ho ricevuto da Mattarella il mandato esplorativo, ho ringraziato per la fiducia accordatami e terrò Mattarella costantemente aggiornato. Svolgerò l'incarico con lo stesso spirito di servizio con il quale ho svolto l'incarico di presidente del Senato. Sarete informati del calendario degli incontri che avverranno in tempi brevi", ha detto la presidente dopo il colloquio con il capo dello Stato.

Casellati è la seconda donna ad avere la responsabilità di esplorare una soluzione alla crisi di governo, dopo Nilde Iotti. Era il 1987, quando Iotti fu chiamata a dirimere la tensione tra Dc e Psi. Fu la prima donna e la prima esponente comunista ad avere un incarico del genere.

A oltre trent'anni di distanza, toccherà quindi alla fedelissima di Berlusconi sondare il terreno. La Lega definisce positivo l'incarico alla presidente Casellati perché "il perimetro di un governo centrodestra-5stelle è esattamente quello deciso dal popolo italiano. La Lega è pronta a governare anche oggi, basta che gli altri smettano di litigare", si legge in una nota dell'ufficio stampa.

Tuttavia, la situazione continua ad essere decisamente ingarbugliata. Il timore, sulla sponda leghista, è che i pentastellati abbiano intenzione di chiudere la trattativa con la Lega, che ormai sembra non volersi sganciare da Forza Italia, mantenendo compatta la coalizione del centrodestra. Il nuovo interlocutore del Movimento potrebbe essere il Pd, che alla vigilia delle mosse del Colle rilancia i suoi tre punti programmatici, peraltro già illustrati al primo giro di consultazioni al Quirinale. La triade da cui partire, per Martina, sono: lotta alla povertà, con l'allargamento del Reddito di inclusione; misure a sostegno delle famiglie, con un assegno universale per famiglie con figli; lavoro, tramite l'introduzione di un salario minimo legale e il contrasto al dumping salariale.

La Casellati ha incontrato subito il premier Paolo Gentiloni e immediatamente dopo, si è recata a Montecitorio perun colloquio col suo collega Roberto Fico. Gli incontri con i partiti sono iniziati alle 16.30 con il Movimento 5 Stelle, alle 17,30 la Lega di Matteo Salvini; la delegazione di Forza Italia, guidata da Silvio Berlusconi, sarà a palazzo Giustiniani alle 18.30, e Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni alle 19.30. Evidentemente, il centrodestra ha deciso di presentarsi in ordine sparso alle consultazioni..

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata