'Prevenire e contrastare nuove minacce' Napolitano all'Altare della patria per il 4 novembre

Roma, 4 nov. (LaPresse) - "Questa mattina, in raccoglimento ai piedi del sacello del Milite Ignoto, renderò omaggio ai caduti di tutte le guerre e a coloro che, in questi anni, hanno perso la vita per la sicurezza e la pace. In un mondo che manifesta tensioni e instabilità crescenti, si vanno affermando nuove e più aggressive forme di estremismo e di fanatismo che rischiano di investire anche l'Europa, e l'Italia in particolare, infiltrandone gradualmente le società. È una minaccia reale, anche militare, che, insieme all'Unione Europea e alla Nato, dobbiamo essere pronti a prevenire e contrastare". E' quanto scrive il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nella ricorrenza del 4 novembre, Giorno dell'Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate. "È questa una nuova, grande sfida - ha aggiunto il Capo dello Stato - affidata alle Forze Armate italiane, in perfetta coerenza e sinergia con la Carta costituzionale e gli statuti delle Istituzioni di cui il nostro Paese è membro. L'Italia vuole quindi essere in grado di operare con sempre maggiore efficacia nel settore della sicurezza e della difesa, attraverso la leva moltiplicatrice dell'integrazione europea e delle organizzazioni internazionali".

Napolitano ha poi sottolineato l'importanza di un 'cambiamento' nelle forze armate. "Il Libro Bianco in elaborazione - ha detto - di previsto completamento entro l'anno in corso, dovrà determinare un deciso cambio di rotta anche sul piano culturale e dell'innovazione e costituire valida premessa per l'avvio di un profondo processo di razionalizzazione e di integrazione dello strumento militare. Il sistema difesa potrà così adeguarsi compiutamente ai nuovi scenari e contribuire, a pieno titolo, al grande programma di riforme della pubblica amministrazione volto a realizzare uno Stato meno oneroso ma riordinato in modo da risultare capace di rispondere più efficacemente ai bisogni del cittadino". Quindi "l'Italia - ha concluso il presidente - fa assoluto affidamento sui suoi militari per la propria sicurezza e per l'affermazione della pace e della giustizia nel mondo, condizione essenziale per la libertà dalla guerra e la prosperità della nostra democrazia. Con questi sentimenti rivolgo a tutti voi, soldati, marinai, avieri, carabinieri e finanzieri, il mio caloroso saluto e il mio vivo apprezzamento per l'entusiasmo e il coraggio con cui assolvete i rischiosi compiti ai quali siete chiamati".

TRICOLORE E ARCOBALENO INTRECCIATI. Nel corso delle celebrazioni le Frecce tricolori hanno volato nel cielo di Roma per onorare i caduti in guerra. Spettacolare l'intreccio tra il tricolore e l'arcobaleno che ha colorato il cielo romano subito dopo l'acquazzone che ha bagnato piazza Venezia.

BAGNO DI FOLLA PER RENZI. Bagno di folla per Renzi. Il premier si è fermato a salutare dei giovani al di là delle transenne di piazza Venezia che lo hanno accolto con applausi e strette di mano. Renzi ha parlato loro della riforma della scuola e di calcio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata