2 giugno, Pinotti: Straordinario messaggio di solidarietà e coraggio

Roma, 2 giu. (LaPresse) - "Il 2 giugno 1946, sessantanove anni fa, gli italiani sceglievano una nuova forma istituzionale, per ricostruire il Paese sulle basi di una rinnovata volontà di cambiamento politico sociale, in ossequio ai valori di libertà, giustizia sociale e solidarietà. Celebrare questo 69° anniversario della Festa della Repubblica significa, dunque, rinnovare la memoria di quel lungo percorso che ha dato agli italiani una più chiara e matura identità nazionale e al Paese una più forte personalità internazionale".

Così la ministra della Difesa Roberta Pinotti nel messaggio in occasione del 69° anniversario della Festa della Repubblica. - "Oggi - prosegue la ministra - è il giorno in cui le Forze Armate, protagoniste di quel passaggio fondamentale della nostra storia, 'sfilano' insieme a componenti della protezione civile, del servizio civile nazionale, dei vigili del fuoco e della croce rossa, non solo per raccontare il passato che ci ha fatto italiani ma anche per testimoniare un presente in continuo rinnovamento. È per questo che, per la prima volta, abbiamo inserito nel tradizionale schieramento anche una rappresentativa di atleti militari e di atleti del Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa, e abbiamo organizzato l'iniziativa, dal titolo 'Sotto l'ombrello', che ha visto 50 bambini della scuola media Elsa Morante di Roma cimentarsi in un progetto artistico ispirato ai valori rappresentati dal 'Tricolore', simbolo di unità, di pace e di speranza".

"Iniziativa che - sottolinea Pinotti - si aggiunge a quella che vedrà, nel pomeriggio, tanti giovani militari partecipare all'incontro sul tema 'Servizio civile, giovani per un'Italia solidale', presso Palazzo Montecitorio, che testimonia la sempre maggiore apertura delle Forze Armate verso i bisogni della società civile". "Oggi - aggiunge - è il giorno in cui tutti noi, liberi cittadini, abbiamo il dovere di esprimere quel sentimento di comunanza patriottica che ci rende fieri di appartenere a questo straordinario Paese, e di contribuire, con fiducia e coraggio, alla sua ripresa, onorando quei valori di solidarietà sociale e responsabilità democratica cui si ispira la nostra Costituzione".

"Donne e uomini, militari e civili della Difesa, - conclude - voi rappresentate un patrimonio unico per l'Italia, perché esprimete con i fatti uno straordinario messaggio di solidarietà e di coraggio. L'Italia è fiera di poter contare, sempre, sulla vostra presenza, perché da sempre siete garanzia di libertà, giustizia, democrazia. Siate orgogliosi di appartenere alla grande famiglia della Difesa, così come è orgogliosa di voi tutta l'Italia, per quello che avete fatto, che fate e che farete per il bene del Paese. Viva le Forze Armate. Viva la Repubblica. Viva l'Italia".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata