Il leader della Lega: "Aspetto giustizia anche su tutti gli altri fronti aperti"

(LaPresse) “Devo dire che è un momento fortunato per quello che mi riguarda. Il giudice di Catania ha detto che difendere l’Italia era mio diritto e non ho commesso alcun reato, il giudice di Roma oggi mi ha detto che da ministro potevo fare il ministro. Grazie”. Così Matteo Salvini – in visita al Municipio VI di Roma, dove centinaia di famiglie vivono senza acqua potabile, con le strade da rifare e problemi di illuminazione pubblica – commenta la richiesta di archiviazione della Procura della Repubblica in relazione ai voli effettuati dall’ex ministro dell’Interno con mezzi del Dipartimento di Pubblica Sicurezza o dei Vigili del Fuoco. “Sono contento, perché non ho intascato un quattrino. Aspetto giustizia anche su tutti gli altri fronti aperti: su soldi mai visti, spionaggi… Certo, il 15 settembre ho l’appuntamento già fissato in agenda in Tribunale a Palermo… Una cosa per volta. Intanto, spero che per il 15 settembre esca l’acqua dai rubinetti dalle case del quartiere Osa”, ha concluso Salvini. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata