Ancora acceso il dibattito politico dopo il referendum di Lombardia e Veneto. Altolà del governo a Luca Zaia che chiede lo statuto speciale per la sua regione. Una proposta che "va contro l'unità e l'indivisibilità del Paese", ha commentato il sottosegretario agli Affari regionali Gianclaudio Bressa. "Non è una proposta catalana - ha aggiunto Bressa - ma una proposta che la Corte Costituzionale ha bocciato, e Zaia lo sa". Intanto il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, si è detto "spiazzato" dall'iniziativa del collega del Veneto, sottolineando che questo crea "un problema" nella Lega e nella trattativa con il governo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata