Movimento 5 stelle e Movimento Democratico e Progressista si ribellano alla decisione del governo di porre la fiducia sui primi 3 articoli di cui si compone la legge elettorale. "Siamo in piena emergenza democratica", l'allarme del candidato premier dei grillini Di Maio che ha convocato per oggi una manifestazione davanti a Montecitorio. E Pisapia annuncia che anche centro progressista non voterà la fiducia. Oggi alla Camera 2 delle 3 fiducie ai primi 3 articoli di cui si compone la legge elettorale. La terza votazione è prevista per domani, insieme al voto finale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata