Il sogno di un'unica entità del centrodestra del governatore ligure

"Il mio sogno è il partito unico del centrodestra. Se è prematuro, muoviamoci comunque per trovare regole comuni che ci permettano di correre come federazione o in una lista unica. Perché possiamo vincere". Così il governatore azzurro della Liguria, Giovanni Toti, in un'intervista al Corriere della Sera. Quanto alla distanza tra Salvini e Berlusconi, la soluzione per Toti è il "modello anglosassone, dove le diverse anime convivono nello stesso partito e dove a seconda delle fasi politiche una o l'altra ne hanno la guida". Berlusconi, che preferirebbe il proporzionale per correre da solo, secondo il governatore ligure è "tirato per la giacca da un gruppo dirigente di Fi che per paura di perdere posizioni e poltrone sta perdendo invece la visione del Paese".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata