Il Senatur aveva attaccato: Non ha programma

A Umberto Bossi "porto affetto e riconoscenza ma c'è un limite a tutto. Io rispondo alla Lega che si è espressa chiaramente" con il voto delle primarie, "orgogliosa del suo passato ma con i piedi ben piantati nel futuro. Io mi ribello a questo tentativo di Bruxelles che ha tolto l'Italia dalla cartina dell'Ue". Lo ha detto il vincitore delle primarie della Lega Nord, Matteo Salvini, ai microfoni di Radio Padania, commentando le parole del Senatur che aveva definito "fascista" Marine Le Pen.

Il Senatur aveva attaccato:"Salvini? È la brutta copia di Renzi"". Così il fondatore del Carroccio in una intervista a 'il Giornale', in cui a una domanda su cosa intende fare risponde: "Valuterò la situazione. Ci sono migliaia di fuoriusciti dalla Lega, espulsi, che hanno messo assieme un partito a Milano". "È abbastanza grande, sono in migliaia. Io potrei valutare la situazione, certo non lascerò che la richiesta di libertà del Nord finisca nel nulla. Sappiamo che la questione settentrionale alla fine vincerà, è una causa che va servita fino alla fine".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata