Roma, 9 dic. (LaPresse) – “Consideriamo questa lettera un contributo importante che viene da personalità del calibro di Pisapia, Zedda e Doria, che sono espressione di esperienze di governo per noi fondamentali. Ci auguriamo davvero che sia Renzi ad accogliere questo appello: il centrosinistra lo ha rotto lui, lo hanno rotto le sue politiche”. Lo afferma Nicola Fratoianni deputato di Sinistra Italiana e coordinatore nazionale di Sel parlando con i cronisti a Montecitorio della lettera dei sindaci di Milano, Cagliari, Genova resa pubblica oggi. “Se da domani – aggiunge – ritirasse il Job Act, la ‘pessima scuola’, la legge elettorale e la riforma pasticciata della Costituzione, noi saremmo pronti come in ogni occasione a sederci ad un tavolo e a discutere”.

“C’è un punto poi, su cui vorremmo discutere – prosegue il coordinatore di Sel – con i tre sindaci e con tutti coloro che hanno a cuore la necessità di evitare che le destre peggiori continuino ad avanzare in Europa”. “Le destre peggiori non vincono perché la sinistra si è divisa, è ad Hollande che bisognerebbe chiedere perché Marine Le Pen stravince nelle periferie francesi. Le destre peggiori stravincono quando la sinistra non fa la sinistra e fa politiche di destra, esattamente come è successo in tante parti d’Europa ed è accaduto anche in Italia. Questo è il punto, se partiamo da qui forse la prendiamo dal verso giusto”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata