Roma, 14 ott. (LaPresse) – “Ma perché su Mantovani l’arresto preventivo? Non bastava l’accusa di concussione a impedirgli di reiterare il reato o di manipolare le prove, in assenza della possibilità di fuga? Altrettanto inquietante è l’arresto del suo giovane collaboratore. La prassi degli arresti rischia di avere come conseguenza quella di fare sentenze anticipate, prima del normale giudizio”. A sottolinearlo è Fabrizio Cicchitto, deputato di Ncd e presidente della commissione Affari esteri.

“Poi le sentenze vere arriveranno fra almeno tre anni – aggiunge Cicchitto – e se saranno di assoluzione nessuno se ne accorgerà. Lo diciamo a prescindere dalla persona perché, per altro verso, con Mantovani non abbiamo mai avuto straordinarie convergenze politiche e tanto meno simpatie personale. Anche l’avviso di garanzia inviato all’esponente della Lega Garavaglia suscita francamente molte perplessità”, conclude Cicchitto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata