Alfa Romeo Racing: il Biscione scalda i muscoli

Incontro a Balocco con Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi, piloti del team di Formula 1 “Alfa Romeo Racing”. Una giornata fra le storiche glorie dell’Alfa e le vetture “top” di gamma dell’attuale produzione

Se fosse un corso di lingue si potrebbe dire “full immersion”. Ma il concetto non è molto differente. Perché questa è una “immersione totale” nei valori Alfa Romeo. Un modo originale e sicuramente emozionante per il neonato team di Formula 1 “Alfa Romeo Racing” di scaldarsi i muscoli (ed il cuore) in vista della prossima stagione agonistica. L’appuntamento è al celebre Proving Ground di Balocco, complesso sperimentale del gruppo FCA. È proprio qui, nella rinomata sede di Autodelta, che furono realizzati e assemblati i primissimi modelli del Biscione. Da allora, la sua leggenda sportiva si è arricchita di vittorie e podi nei diversi campionati internazionali, ad iniziare proprio dalla Formula 1, perché fu marchio del Biscione ad aggiudicarsi la prima edizione del massimo campionato, nel 1950 con Nino Farina a bordo di un’Alfa Romeo 158. E l’anno successivo Juan Manuel Fangio su Alfa Romeo 159 bissò la conquista del titolo iridato.

Oggi al nuovo team “Alfa Romeo Racing” è affidata questa eredità gloriosa, e per condurre le monoposto nella stagione 2019 sono stati scelti due piloti che rappresentano l’italianità e il blasone della squadra: Antonio Giovinazzi e il campione del mondo 2007 Kimi Räikkönen. Il palcoscenico è il celebre “Alfa Romeo Track”, un tracciato di 5,6 chilometri che offre tutte le emozioni di una pista di Formula 1. Il contesto ideale per esaltare le caratteristiche dei modelli “top” di gamma Alfa Romeo: Giulietta Veloce, Giulia e Stelvio Quadrifoglio, che sono state protagoniste insieme ai piloti di adrenaliniche esibizioni.

"Giulia e Stelvio Quadrifoglio - spiegano in Fca - definiscono il paradigma del brand. La Giulietta dimostra in modo brillante di continuare ad evolversi mantenendo inalterato il suo inconfondibile stile e lo spiccato carattere sportivo. Le sue caratteristiche hanno trovato espressione sul tracciato di Balocco in questa giornata irripetibile specie nell’allestimento “Veloce”, che rappresenta il massimo della sportività, non solo nella caratterizzazione molto aggressiva, ma soprattutto nelle caratteristiche di guida ed in un comportamento su strada senza compromessi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata